LoginIscriviti • Anno 8 - Numero 40  
Recensioni sul Cinema d'Autore
Le Recensioni dei film d'autore

 Cerca   
Pi greco - Il teorema del delirio Voto del Redattore: 4
Pi greco - Il teorema del delirio
Maximillian Cohen (Sean Gullette), all'età di 6 anni, dopo aver guardato direttamente il Sole per troppo tempo ha rischiato di perdere la vista per sempre. Da quel giorno soffre di continui mal di testa e fa uso eccessivo di medicinali per ridurre i dolori. Matematico eccentrico e solitario, vive nella sua "tana-laboratorio" e l'unico suo confidente è il suo amico-professore Sol Robeson (Mark Margolis) a cui confida le sue ricerche ed i suoi dubbi. Max crede che la matematica è in tutte le cose e di conseguenza regola la vita di tutti e di tutto. Ogni cosa può essere spiegata e rappresentata attraverso numeri e formule matematiche. Le sue ricerche sono incentrate sulle azioni della borsa e su uno schema in grado di predire le quotazioni. Le sue ricerche non sono sconosciute a Wall Street e quest'ultimi cercheranno di accaparrarsi delle sue ricerche. Max entrerà in contatto con un ebreo numerologo, studioso della Torah, che gli spiegherà che ogni lettera dell'alfabeto ebraico corrisponde ad un numero, confondendolo. 

Pi Greco è una pellicola indipendete a basso costo del 1998, diretto e scritto da Darren Aronofsky. Il film fu presentato al Sundance Film Festival riscuotendo un buon successo di critica e  fu premiato con l'Indipendent Spirit Award per la miglior sceneggiatura d'esordio. Ambientato prevalentemente in interni (il laboratorio di Max o il salone di Sol) dove il soggetto è protagonista assoluto di ogni inquadratura lasciando poco spazio agli sfondi. Anche le corse e gli inseguimenti sono puntati sul volto del protagonista e non sulle gambe, rendendo il tutto una situazione claustrofobica anche in quelle poche occasioni di situazioni all'aperto. La sensazione viene spinta all'eccesso quando il regista decide di operare all'interno della metropolitana i deliri del protagonista (e quale mezzo è più claustrofobico della metro). Anche la scelta del colore aumenta questa sensazione, in fatti il bianco e nero viene sgranato all'eccesso rendendo alcune scene "bruciate".
 

Inserita il 23 - 08 - 10
Riccardo Piccione
Leggi altri articoli di Riccardo Piccione

INSERISCI UN COMMENTO

Nome:
Titolo:
Commento:
Per inserire il commento devi effettuare il login.
Username:
Password:
alCinema.Org si riserva il diritto di cancellare commenti con linguaggio non adeguato ai contenuti del sito o fuori luogo. Per motivi di sicurezza viene salvato l'IP dell'autore del commento. Gli indirizzi email vengono salvati solo per scopi di sicurezza e non verranno utilizzati in alcun modo, n?eduti a terzi.
 

Agor?ongiunzione tra cielo e terra nel dovere di indagine di Ipazia .PRECEDENTE SUCCESSIVORequiem for a dream

SOCIAL & C.


CERCA NEL SITO

SEGNALIAMO

  • ISCRIVITI
  • Segnala ad un amico

NEWSLETTER




Login    Chi siamo    I Redattori    Dalla Redazione    Privacy    Contattaci    Preferiti    Imposta come Homepage   Lavoro   Arredamento
© 2006-2014 alCinema.Org è un supplemento di Teatro.it - Iscrizione ROC del 30 agosto 2006 - n. 14662